Berlusconi al telefono con Lavitola: “Non tornare in Italia”

“Pronto Valter?”, “Si Sono Silvio. Non tornare in Italia. Rimani in Bulgaria.” Un velato invito alla latitanza.Un augurio ad aspettare tempi migliori. La Buriana passera’ ed io sistemero’ tutto. E’ questo il senso della conversazione che sarebbe intercorsa lo scorso 24 agosto tra Berlusconi e Lavitola, secondo l’articolo che il settimanale L’Espresso ha pubblicato ieri sull’edizione on line .

La situazione che vive l’Italia e’ paradossale, a tratti surreale. Siamo governati da un Presidente del Consiglio che viene sputtanato e si auto sputtana quotidianamente. Le sue parole vengono captate pressocche’ giornalmente dagli uffici della Digos delle procure di mezza Italia ed ormai quasi in tempo reale vengono divulgate urbi et orbi. E’ uno sputtanamento in presa diretta con effetti devastanti sul governo e sulla credibilita’ dell’intero paese.

Presidente perche’ ci fa questo?

Prima di cacciarsi in questa situazione che prima di denigrare lei, degrada il paese ( di merda) che ama ( o ha amato in passato) non avrebbe potuto vivere una vita privata piu’ consona al suo ruolo, normale o normalizzata, come fanno per esempioObama o Sarkozy? Non avrebbe potuto fare a meno di frequentare alcuni personaggi che definire torbidi e’ un complimento? Non avrebbe potuto evitare situazioni che l’hanno resa ricattabile? Ma soprattutto, per le sue chiacchierate in liberta’, non avrebbe potuto scegliere un mezzo di comunicazione diverso dal cellulare (che una volta disse di non utilizzare piu’)?
Qualcuno dovrebbe comunicare al Presidente del Consiglio che in Italia le procure fanno ampio uso di intercettazioni. Che volente o nolente fino ad adesso nessuno e’ riuscito a mettere un bavaglio alla stampa. Che le talpe negli uffici giudiziari esistono. Mentre le fughe di notizie sono un must della storia recente ed hanno sempre colpito a destra come a manca.

Perche’ Presidente non ha tutelato lei, la carica che ricopre, e quindi il paese che si onora di governare? Avrebbe risparmiato a tutti noi questo spettacolo indecoroso da ultimi giorni di Pomei.
Quindi, stando ai “fatti”: Lei avrebbe consigliato al presunto latitante Lavitola di non tornare in Italia perche’ il suddetto Lavitola sarebbe stato indagato in un processo (anticipato dal settimanale Panorma di sua proprieta’) che vede Lei vittima di estorsione, e tutto questo viene spiattellato due settimane dopo su un settimanale vicino all’opposizione all’insaputa dei giudici di Napoli, che dovrebbero mantenere il segreto istruttorio e la interrogheranno a palazzo Chigi martedi’ prossimo?
Qui ( come in tante altre vicende italine) come si dice a Roma “il piu’ pulito c’ha la rogna”. Chi fermera’ questo gioco al massacro che ha fatto piombare l’Italia in una situazione che oscilla tra una commedia dai toni drammatici ed una tragedia dai contorni farseschi?
Cavaliere quando arrivera’ il momento di dire basta?
I Senatori Pera e Pisanu gia’ le hanno dato il benservito, il deputato Cazzola le consiglia di scegliere il momento giusto per levare le tende, il gruppo di Micciche’ e’ uscito dal Pdl, Gianpaolo Pansa su Libero e non sul Manifesto ieri scriveva “il rifiuto di Berlusconi e di Bossi a prendere atto che il loro ciclo è finito non risulta soltanto incomprensibile, ma rischia di diventare criminale” . Gli unici ancora a difenderla sono I suoi ministri che faranno la fine dei giapponesi sperduti sulle isole del pacifico dopo la conclusione della seconda Guerra mondiale
Mezzo Parlamento lavora ad un governo tecnico, di responsabilita’, di transizione, di salute pubblica, di decantazione, di unita’ nazione, di grossa coalzione non sa piu’ a che cosa, pur di trovare uno sbocco che salvi il salvabile. Buttiglione dell’ Udc le ha anche proposto che se si fa da parte si trovera’ tutti insieme un salvocondotto per I suoi processi.

Quindi Presidente perche’ non prende la prima decisione da statista? Si dimetta!

About these ads
Comments
One Response to “Berlusconi al telefono con Lavitola: “Non tornare in Italia””
Trackback
Check out what others are saying...


Che ne pensi ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti agli altri 74 follower

  • DISCLAIMER

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L'autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l'autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 74 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: