E se la lega non volesse veramente il federalismo?

Ieri alla camera dei deputati Bossi si e’ fatto notare per i lunghi sbadigli con i quali accompagnava l’ascolto del discorso del premier. E’ una tattica collaudata. Voleva marcare una certa distanza tra la Lega e gestione del governo. I sbadigli annoiati simboleggiavano a favor di telecamera il disinteresse con la quale il partito padano ormai sostiene Berlusconi. Era un segnale alla base: siamo lontani dalle alchimie di Palazzo, noi puntiamo solamente al raggiungimento di traguardi concreti che da lungo tempo ci siamo prefissati.
Se non fosse infatti per il vincolo personale che unisce i due vecchi leaders di Pdl e Lega, e per lo stesso attaccamento che hanno entrambi per il potere che maneggiano, l’ Italia potrebbe gia’ avere un’altro governo. Forse piu’ autorevole. Sicuramente piu’ capace di affrontare l’attuale crisi economica.
La base leghista in questo momento se non fosse per la brama di potere della propria classe dirigente si accontenterebbe anche di una dignitosa lotta condotta dalle fila dell’ opposizione.
Le recriminazioni e le denunce leghiste hanno infatti molto piu’ valore se vengono sostenute non all’interno delle istituzioni ma fuori dal Palazzo a stretto contatto con i mugugni dei propri sostenitori.
Cosa ci fa un partito secessionista come la Lega in una coalizione da cui ormai sempre piu’ platealmente prende spesso le distanze?
Il motivo e’ essenzialmente uno ed universalmente noto: l’approvazione del federalismo fiscale.
Ma siamo sicuri che la lega lo voglia veramente?
Sembrerebbe proprio di no. Anche perche’ se lo avessero voluto realmente lo avrebbero gia’ approvato ad inizio legislatura.
Il federalismo per la lega e’ ormai divenuto un prodotto commerciale da piazzare sul mercato elettorale. La merce piu’ pregiata ed allettante. Con cui attira a se’ i propri elettori. Se venisse a mancare questo elemento di mobilitazione popolare e per di piu’ la sua approvazione non generasse come molti sospettano i risultati sperati, il partito della famiglia Bossi rischierebbe di scomparire, perche’ avrebbe perso la sua ragion d’essere. Un po’ come potrebbe accadere al partitito di Di Pitro una volta che Berlusconi sara’ uscito di scena.
Se io ho gia’ possiedo, quello che tu mi vuoi vendere, tu a cosa mi servi? A nulla.
Meglio quindi non darti quello che a te appare servirti, cosi’ che tu possa continuare a sostenermi e votarmi.
Se infatti una volta per tutta una riforma federale fosse licenziata dal parlamento, con quale motivazione Bossi, Maroni e Calderoli, potrebbero chiedere il consenso ai propri elettori?
La secessione? Sembra improbabile. Visto che a questa eventualita’ non ci credono piu’ di tanto nemmeno i leghisti piu’ puri.
Per la lotta all’immigrazione? Lo fanno gia’ adeguatamente le forze piu’ puramente di destra.
Per l’euroscetticismo? Ci pensa gia’ il Pdl ad attaccare quotidanamente le fondamenta delle istituzioni europee.
E quindi? Meglio procrastinare il federalismo ad una data lontana nel tempo per assicurasi ancora per un po’ i voti dei poveri padani.
Qualora il governo e la maggioranza e il quasi disoccupato presidente della commissione bicamerale in materia Enrico La Loggia fossero vicini ad approvare il tanto agognato federalismo fiscale lo stato maggiore leghista staccherebbe in quel preciso momento, la spina al governo. Accampando le motivazioni piu’ disparare per coprire il misfatto.
Sarebbe un delitto perfetto. Di fronte alla propria base si presenterebbero come coloro che hanno detto basta alle promesse non mantenute di Berlusconi ed al contempo avrebbero acquistato nuova linfa per presentarsi al prossimo giro di giostra. D’altronde si sa, da circa venti anni la riforma federale e’ come l’Araba fenice. Tutti la cercano ma nessuno sa dove sia. Sicuramente non e’ stata avvistata dalle parti di via Bellerio.

About these ads

Che ne pensi ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti agli altri 74 follower

  • DISCLAIMER

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L'autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l'autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 74 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: