Costa Concordia: un colpevole e qualche dubbio

concordia

La tragedia della Costa Concordia che per una leggerezza del comandante si e’ schiantata sugli scogli antistanti l’isola del Giglio ha scosso ed interessato un po’ tutti in italia e fuori dal nostro paese. La fragilita’ di un mostro di lusso e acciaio che nell’immaginario collettivo appariva inaffondabile incuriosisce ed impensierisce in egual misura.

Poiche’ siamo tutti consapevoli che l’ammiraglia della Costa ha concluso miseramente il suo ultimo viaggio non tanto per l’impatto con uno scoglio “che stava li dove non doveva stare” ma per il gravissimo errore di valutazione della persona a cui erano affidate le esitenze di migliaia di passeggeri, dovremmo chiederci come e’ potuto succedere? Siamo sicuri che una tragedia di tale dimensioni sia ascrivibile al comportamento scorretto di una sola persona?

Le colpe del comandante sono inequivocabili, e la magistratura ne sta gia’ ricostruendo l’entita’, ma e’ tutto qui?

La domanda centrale della questione e’: se il comandante Schettino dopo la sua deviazione “con inchino” davanti al porto del Giglio avesse proseguito con successo la navigazione verso Savona, schivando di pochi metri gli scogli delle Scole e concludendo con successo la crociera “degli agrumi” sarebbe rimasto al suo posto?
Quali sarebbero state le reazioni ed i provvedimenti disciplinari della compagnia armatrice? Si sarebbe stigmatizzato l’accaduto? Si sarebbe rimosso il capitano dalla sua funzione in quanto con quel comportamento avrebbe esposto ad un rischio ingiustificato i passeggeri?

Oppure non sarebbe successo niente in quanto la crociera del 13 gennaio era una delle tante che solcano il Tirreno, con una grande dose di normalita’ ed un enorme rischio sconosciuto ai piu’?
Queste considerazioni avvengono dopo la conferenza stampa dell’ Ad di Costa Pierluigi Foschi, un uomo sinceramente sconvolto e provato dalla tragedia che ha rilevato come la rotta di ogni nave da crociera ( seguita e registrata da strumentazioni GPS) sia prestabilita, mentre ogni deviazione al percorso concordato ( adeguatamento segnalato) debba essere preliminarmente approvato dalla Capitaneria di Porto e congiuntamente dall’armatore.
Se come ha riportato il quotidiano la Repubblica “la passerella” della Concordia dinanzi l’Isola del Giglio era gia’ avvenuta il 14 agosto ( mentre l’AD parla di una sola autorizzazione data la notte di San Lorenzo) e dalle gallerie in rete si evince che gli avvicinamenti sotto costa fossero piu’ di uno strappo alla regola per quale motivo non si era corso a delle contromisure?
Limitando al massimo e prescrivendo precise distanze di sicurezza dalla costa, la cui trasgressione a carico dei comandati e’ facilmente registrabile di volta in volta dalla strumentazione GPS e sanzionabile della compagnia oppure vietando quello che appare una sorta di consuetudine che impreziosiva di una esperienza “nuova” il viaggio dei croceristi?
Forse non e’ tutta colpa di un solo uomo, forse lo spettro delle responsabilita’ e’ piu’ ampio. Una volta fatto tutto il possibile per ricercare i dispersi e scongiurare il disastro ecologico bisognera’ allargare la platea a cui chiedere risposte.
Per quanto riguarda il relitto in futuro andra’ rimosso. Se cio’ non dovesse essere possibile perche’ finito troppo dentro mare. Una volta messo in sicurezza e bonificato diventera’ parte del paeseggio dell’isola del Giglio, ed un’attrazione turistica dell’arcipelago Toscano. Come la Torre Eiffel costruita per l’esposizione universale del 1889, non venne smantelata in quanto in pochi anni divenne non solo parte dello skyline di Parigi ma anche icona della Francia, la Costa Concordia potrebbe presto diventare un monumento alla grandezza e alla fabbilita’ delle capacita’ umane. In questo caso italiane.

About these ads

Che ne pensi ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti agli altri 74 follower

  • DISCLAIMER

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L'autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l'autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 74 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: