Scalfaro il presidente che non si piego’ agli eccessi del berlusconismo

Oscar_Luigi_Scalfero_-_2009

Nell’antica Grecia esistevano alcune leggi non scritte che andavano rispettare sempre e comunque. La piu’ importante tramandata fino a noi era quella che prescriveva il rispetto (in qualsiasi caso) dovuto ai defunti.
Ieri all’eta’ di 93 anni e’ venuto a mancare l’ex presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. Fu Capo dello Stato dal 1992 al 1999, durante uno dei periodi piu’ difficili e travagliati della storia recente. Scalfaro traghetto’ quel che restava della prima repubblica nella seconda, fece fronte alle stragi di mafia che in quegli anni ebbero una recrudescenza terribile e cerco’ di governare lo tzunami di “mani pulite” che proprio in quegli anni cambiava i connotati della politica italiana. Fu un’epoca convulsa durante il quale Scalfaro tenne la barra dritta muovendosi entro il solco delle prerogative che la Costituzione affidava al suo ruolo. Nel suo operato si batte’ principalemente contro un avversario: Silvio Berlusconi e la sua in-cultura politica. Fu Scalfaro che non si piego’ alla volonta’ del Cavaliere che voleva Cesare Previti (avvocato dai non limpidi trascorsi) come Ministro della Giustizia. Fu sempre Scalfaro dopo l’addio di Bossi a Berlusconi, a non indire nuove elezioni adoperandosi per trovare una nuova maggioranza come il nostro sistema parlamentare prevede, inaugurando il governo Dini osteggiato dal centro-destra.

Tutte cose inammissibili per il fronte “moderato” e “liberale” di allora che non perdono’ mai all’uomo politico di Novara, il suo rifiuto di piegarsi ad una costituzione “materiale” sempre piu’ sbilanciata – senza la convalida di alcun passaggio parlamentare – verso un sistema presidenziale di stampo carismatico.

Tutte cose intollerabili soprattutto per un Cavaliere che non ha mai sopportato gli ostacoli frapposti sin dal 1994 fra lui e l’esercizio del suo potere. Tutte cose inaccettabili per un politico “anomalo” che ha sempre concluso la democrazia all’atto preliminare del voto, non dando importanza a quei “checks and balances” che ogni regime democratico prevede.
Silvio Berlusconi e Umberto Bossi si sono rivolti nei confronti di Oscar Luigi Scalfaro, sempre con parole sprezzanti , ai limiti della “maleducazione” istituzionale. Maleducazione protratta fino a ieri quano alla diffusione della notizia della scomparsa dell’ex presidente della Repubblica, nessuna nota di cordoglio ufficiale e’ arrivata dalle parti di Arcore e di Gemonio. Dettaglio che non solo denota la mancanza di “fairplay” di importanti leaders politici nazionali,ma anche l’involuzione della nostra Repubblica. Come non ricordare infatti che nell’ Italia 1984 l’ex fascista Giorgio Almirante si reco’ alla camera ardente del comunista Enrico Berlinguer, mettendo da parte i rancori di militanze politiche vissute su fronti opposti. Mentre nel 2004 a Washington come accade per tutti i presidenti americani i vertici del partito repubblicano e democratio onorarono uniti il feretro di Ronald Reagan. Cosi’ come dovrebbe accadere in ogni paese dalla “democrazia matura”.

Per il centrodestra italiano, incapace di fare autocritica, Scalfaro rimarra’ il presidente del “Ribaltone” ma la verita’ e’ che la loro cultura politica non e’ stata capace di produrre figure super partes da poter eleggere al Quirinale . Silvio Berlusconi che non ha amato ( e rispettato) nemmeno i suoi successori Ciampi e Napolitano, pronuncera’ forse svogliatamente qualche parola di circostanza ma sara’ comunque tardiva e fuori tempo massimo, come ci ha abituato in tante occasioni.

L’unico modo serio e valido per onorare la figura dell’ex presidente della Repubblica da parte di coloro che alla nostra Costituzione ancora (un po’) ci credono e’ utilizzare ogni metodo democraticamente legittimo affinche’ Silvio Berlusconi o qualcun altro della sua cerchia piu’ stretta ( leggi Gianni Letta) non si sieda dal 2013 sulla stessa poltrona del Quirinale che fu di Oscar Luigi Scalfaro.

About these ads

Che ne pensi ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti agli altri 74 follower

  • DISCLAIMER

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L'autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l'autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 74 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: