Monti stronca i sogni di gloria di Alemanno & Co

olimpic

La scelta di Mario Monti di non supportare il progetto per celebrare a Roma le olimpiade del 2020, non segna soltanto la fine di un grande sogno che inorgogliva tutti gli italiani, ma certifica anche la distanza tra due visioni del paese. Da una parte ci sono il sindaco ed i politici romani, gli esponendi delle cricche economiche della capitale ed i cascami di quel che fu il potere berlusconiano , dall’altra i tecnici e professori che Napolitano ha chiamato a governare in un momento delicatissimo. I primi hanno preso la notizia dello stop governativo malissimo. Fino a poche ore dal no ufficiale infatti, continuavano a lisciare il pelo dei romani e degli italiani cullandosi su prospettive di gloria tanto grandi quanto inconsistenti. I secondi hanno riportato tutti alla cruda realta’ dei fatti, che non permette scherzi e giochi di alcun tipo. Secondo Monti infatti – lineare ed implacabile nella sua logica -non sussistono le condizioni perche’ lo Stato italiano si faccia carico delle ingenti spese che un evento mastodontico come le Olimpiadi prevede. Soprattutto perche’ oggi il comitato olimpico costruito ad hoc per l’occasione fa girare alcune cifre, mentre nel 2020 questi numeri potrebbero essere raddoppiati e forse triplicati. Se poi consideriamo che il presidente onorario della commissione per i giochi a Roma, e’ Gianni Letta, per dieci anni (quasi) consecutivi importante membro di quei governi Berlusconi che hanno spinto l’Italia sull’orlo del baratro si puo’ capire come Palazzo Chigi non e’ potuto andare oltre un cortesissimo: non se ne parla.

L’ esecutivo insomma non ha voluto rischiare di vedere (e proiettare agli italiani) un film gia’ visto. L’arricchimento di pochi ed il conseguente depredamento di capitali pubblici. Uno spettacolo che incanta un mese e lascia oltre a tanti bei ricordi molti debiti.

Se Roma facendo leva sulle proprie enormi potenzialita’ si fosse aggiudicata i giochi olimpici nel 2020 avremmo assistito al solito copione. Bilanci gonfiati, tempi non rispettati, opere pubbliche non completate, ritardi nelle consegne, soliti sperperi di denaro pubblico, le note cricche economiche romane libere di scorrazzare e fare affari ai danni dei contribuenti italiani. Come gia’ e’ avventuto in occasione dei mondiali di nuoto del 2009, con sindacatura Alemanno. Meglio lasciar perdere.

Se fossimo un paese normale ( o almeno con i conti a posto) sarebbe stato lecito sognare un evento grandioso in casa nostra. Visto che normali non siamo tanto, e’ meglio tutelarci da chi con la scusa delle olimpiadi voleva indebitarci ancor di piu’.

La data importante per l’ Italia non e’ il 2020 ma il biennio 2013 – 2014 quando dovremmo raggiungere la meta tanto agognata a suon di sacrifici del pareggio di bilancio. Se quel traguardo (a portata di mano) dovesse essere conseguito, avremo le carte in regola per poter sognare di nuovo. Per adesso accontentiamoci di vedere la lenta ma costante dimunuzione dello spread btp bund. Non e’ tanto ma e’ gia’ qualcosa. In questa storia non ha perso Roma (anche se il suo sindaco non ne esce benissimo), ha vinto l’Italia piu’ seria.

About these ads
Comments
One Response to “Monti stronca i sogni di gloria di Alemanno & Co”
Trackback
Check out what others are saying...
  1. [...] Casa originale di questo articolo   This entry was posted in Notizie. Bookmark the permalink. ← Rating o non rating? Italia ancora declassata MF Global, backwardation, manipolazione dei prezzi: le conseguenze maggiori sul mercato dell’oro e dell’argento → [...]



Che ne pensi ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti agli altri 74 follower

  • DISCLAIMER

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L'autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l'autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 74 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: