Francesco Belsito lo scomodo tesoriere della Lega Nord, querela il Secolo XIX.

1280x1024

http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2012/02/22/AP5CjZwB-belsito_storia_segreta.shtml#axzz1nkQfIx2B

Alcuni articoli del Secolo XIX hanno messo in luce chi e’ veramente Francesco Belsito il potente tesoriere del partito di Bossi che con i suoi investimenti spericolati e’ balzato all’onore delle cronache.

Il politico della Lega di 41 anni, ex impresario di pulizie ed ex sottosegretario alla Semplificazione nel ministero di Roberto Calderoli durante lo scorso Governo Berlusconi, gia’ noto per il doploma taroccato, per le lauree fantasma, per il giro di assegni “strani” e per aver investito i soldi del partito in Tanzania ed a Cipro come ha scritto anche Stella sul Corriere della Sera, soltanto nel 2010 ha amministrato un patrimonio di 22 milioni di euro di rimborsi elettorali. Un’ incarico tanto delicato dovrebbe essere ricoperto da una figura irreprensibile, con un curriculum al di sopra di ogni sospetto ma leggendo gli articoli del Secolo XIX appare tutto il contrario.

Il quotidiano di Genova scoprendo “ documenti, un ottovolante di miliardi, avvisi di garanzia, crac, affari immobiliari e alleanze a dir poco avventurose”
e’ riuscito a ricostruire parte del passato del “cassiere” leghista. Il quadro che ne e’esce e’ devastante. Non tanto per le posizione giudiziarie di Belsito che verranno chiarite se necessario di fronte alla legge , quello che e’ inquietante e’ l’uso disinvolto con cui i partiti italiani amministrano i “rimborsi elettorali” affidandoli a personsaggi opachi , dalla condotta discutibile ed al limite della legalita’. Nel caso specifico e’ inspiegabile come un partito, pilastro della seconda repubblica, fino a pochi mesi fa al governo del paese insieme al Pdl come la Lega, permetta un uso disinvolto dei propri beni, che in definitiva costituiscono un patrimonio appartenente ai cittadini e agli elettori italiani, non alla segreteria del movimento. Senza nessun pudore al danno si e’ aggiunta la beffa. lo scorso 22 febbraio Il tesoriere leghista, incalzato dalle inchieste invece di chiarire punto per punto i propri azzardi finanziarie del presente e del passato, si e’ limitato a querelare il giornale annunciando il tutto con questa nota: “Sono venuto a conoscenza questa mattina di un articolo pubblicato dal Secolo XIX di Genova nell’ambito del quale sono state diffuse notizie destituite di ogni fondamento e tali da fornire alla mia persona una immagine distorta e negativa fino al punto di farmi apparire un “criminale”, il tutto con riferimento a fatti che non mi hanno visto coinvolto e che non hanno arrecato alcuna conseguenza giudiziaria a mio carico. Addirittura è stata data voce a personaggi che molto avrebbero da chiarire in ordine alle loro attività piuttosto che alle mie. A questo punto si rende necessaria una forte tutela della mia onorabilità nelle sedi giudiziarie più opportune al fine di far cessare una volta per tutte l’ignobile attacco mediatico del quale sono stato fatto oggetto da troppo tempo ed in tal senso ho già dato incarico al legale che mi rappresenta”

Agli italiani ( e forse soprattutto ai padani) tocca di vederne di tutti i colori. Chi dovrebbe essere una scatola di vetro per la trasperenza del proprio operato risponde picche ai giornalisti che cercano di mettere in luce le nebbie che si addensano su alcuni esponenti della segreteria leghista.

Non a caso il Senatore Roberto Castelli componente del comitato di vigilanza sul bilancio del partito intervistato ieri su radio 24 alla Zanzara di Cruciani ha dichiararo: ”Vi dico una cosa: in Tanzania non c’e’ un euro della Lega. Nemmeno un euro. Ci abbiamo pensato, ma alla fine non e’ stato investito niente. Quei soldi sono tutti ben custoditi nelle banche italiane”.

L’ex ministro ha poi continuato: ”Sono stati i giornali a scriverlo ma non c’e’ niente di vero . E poi la legge non prevede alcun obbligo. Con i nostri soldi possiamo fare quello che vogliamo senza comunicarlo a nessuno. Non c’e’ obbligo di trasparenza, lo dice la legge” ( fonte Asca).

Il problema, e’ principalmente uno. Per la legge italiana forse un obbligo di trasparenza a carico dei partiti non esiste. Agli occhi dei propri elettori e degli italiani pero’ quel vincolo di trasparenza (ed onesta’) esiste ancora. Eccome se esiste.

http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2012/02/22/AP5CjZwB-belsito_storia_segreta.shtml#axzz1nkQfIx2B

About these ads
Comments
One Response to “Francesco Belsito lo scomodo tesoriere della Lega Nord, querela il Secolo XIX.”
  1. Reblogged this on POLITICA DEI SERVIZI SOCIALI and commented:
    come la Lega amministra i soldi dei “rimborsi elettorali”

Che ne pensi ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti agli altri 74 follower

  • DISCLAIMER

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L'autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l'autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 74 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: